Potremmo utilizzare i cookie e abbiamo bisogno di accedere ad alcune delle impostazioni del tuo browser. Fare clic sul pulsante seguente se si accettano i nostri termini sulla protezione dei dati. Non memorizziamo nessuno dei tuoi dati personali quando utilizzi il nostro sito web in modo regolare.

    
Il gigante di citare in giudizio

Il gigante di citare in giudizio

Informazioni sulle diverse pratiche del gigante di Internet Google
Twitter Facebook Email Print     PDF 
 Tradotto dall'inglese con A.I.  


Il fatto che il gigante di Internet, Google, abbia portato nel mondo molte innovazioni tecnologiche è noto a quasi tutti i bambini. Parte di ciò che dobbiamo oggi è Google, un motore di ricerca veloce, e-mail gratuite prive di spam, traduzioni di lingue intelligenti e molto altro ancora. Google è onnipresente. La società da molti miliardi di dollari installa i propri cavi in ​​fibra ottica attraverso gli oceani, gestisce enormi server farm la cui topografia è tenuta segreta ed è molto attiva nel campo di I.I. Potremmo quasi credere che Google sia un'azienda al 100% amichevole e trasparente che ha persino scelto lo slogan "Non fare il torto" come slogan di marketing aziendale per un po. Ma la società ha lati oscuri che la maggior parte della gente non ha mai sentito nominare.

Il 7 agosto 2017, James Damore, un dipendente di Google a Mountain View, California, è stato licenziato dal CEO di Google dopo che Damore ha aderito a un memorandum di dieci pagine sulla politica di Google di argomento di diversità a un forum di discussione digitale interno. Nel suo memorandum intitolato "La camera dell'eco ideologica di Google", James Damore - che aveva lavorato prima di essere licenziato come ingegnere informatico per la compagnia - criticò quella che considera la "cultura aziendale distorta da Google". Descrive nel suo memorandum come questo pregiudizio influisce sulla definizione di diversità e su come crea una cultura dell'esclusione su Google. James Damore scrive che sostiene la diversità e la incoraggia nel suo ambiente di lavoro. Ma dice che l'atmosfera di discussione all'interno dell'azienda impedisce qualsiasi discussione sull'argomento e che i dipendenti di Google non oserebbero esprimere liberamente la propria opinione per paura di essere licenziati:

Fortunatamente, una discussione aperta e onesta con coloro che non sono d'accordo può evidenziare i nostri punti ciechi e aiutarci a crescere, così ho scritto questo documento. Google ha molti pregiudizi e la discussione onesta su questi pregiudizi è messa a tacere dall'ideologia dominante ... A Google, parliamo molto di pregiudizi inconsci legati alla razza e al sesso, ma raramente discutiamo dei nostri pregiudizi morali . L'orientamento politico deriva infatti da profonde preferenze morali e quindi da pregiudizi. Dato che la stragrande maggioranza delle scienze sociali, i media e Google sono di sinistra, è importante esaminare criticamente questi pregiudizi ... In termini di pregiudizi politici, mi considero un classico liberale e fortemente valore individualismo e ragione. Sarei molto felice di discutere il documento in modo più dettagliato e fornire più citazioni.





JDamore sostiene inoltre che sia i pregiudizi inconsci che quelli espliciti manterrebbero le donne, in particolare, posti di lavoro nel settore tecnologico e in posizioni dirigenziali:

In media, uomini e donne si differenziano biologicamente in molti modi. Queste differenze non sono solo socialmente costruite ... Non sto dicendo che tutti gli uomini differiscono da tutte le donne nel modo seguente o che queste differenze sono "giuste". Sto semplicemente dicendo che la distribuzione delle preferenze e delle capacità di uomini e donne è parzialmente diversa per ragioni biologiche e che queste differenze possono spiegare perché non vediamo un'eguale rappresentanza delle donne nelle tecnologie e nella leadership. Molte di queste differenze sono minime e vi è una significativa sovrapposizione tra uomini e donne. Quindi non puoi dire nulla su un individuo date queste distribuzioni a livello di popolazione.

Nella sua analisi, James Damore si concentra su queste differenze tra uomini e donne in modo molto dettagliato nel suo memorandum e formula una serie di suggerimenti su come ridurre i pregiudizi ideologici in Google e quindi migliorare la diversità. sul posto di lavoro. Pochi giorni dopo, è stato licenziato. Il capo di Google, Sundai Pinchar, ha persino interrotto le sue vacanze in Europa a causa di questo incidente. I dipendenti di Google a Mountain View hanno chiesto alle guardie di sicurezza di accompagnare immediatamente James Damore all'ingresso principale e di inviare i suoi effetti personali a casa sua. Danielle Brown, responsabile della diversità sul posto di lavoro in Google, ha dichiarato del licenziamento di James Damore:

Costruire un ambiente aperto e inclusivo significa promuovere una cultura in cui persone con diversi punti di vista, comprese diverse opinioni politiche, si sentano sicuri di condividere le loro opinioni. Ma questo discorso deve andare di pari passo con i principi di uguaglianza occupazionale stabiliti nel nostro codice di condotta, nelle politiche e nelle leggi contro la discriminazione.

L'amministratore delegato, Sundar Pichai, è andato ancora oltre e ha menzionato in una e-mail distribuita dall'intera azienda "Le nostre parole contano" che James Damore aveva apparentemente violato il codice della società di Google, poiché menzionato nella sua dichiarazione:

Alcune parti del memo violano il nostro codice di condotta e attraversano la linea promuovendo stereotipi sessisti dannosi (!) Sul nostro posto di lavoro ... Suggerisco ad un gruppo di nostri colleghi le caratteristiche che li rendono meno abile alla biologia. a questo lavoro è offensivo e non OK.

Per inciso, James Damore e il suo avvocato avevano presentato cause legali contro Google a Mountain View poche settimane dopo, il diritto del lavoro californiano che proibiva formalmente la cessazione del rapporto di lavoro per qualsiasi ragione politica. L'8 gennaio 2018, gli avvocati di James Damore hanno anche presentato una causa contro Google per aver violato i diritti discriminatori nella Corte Suprema di Santa Clara, in California. Alla fine di febbraio del 2018, un avvocato del Naional Labor Relations Board negli Stati Uniti - un'entità che inizialmente aveva poco a che fare con la causa di Damore - disse al pubblico che il gigante della tecnologia aveva apparentemente agito in conformità con la legge nella sua decisione di licenziare James Damore. Questa affermazione non è sorprendente dato che Google ha già messo sotto pressione l'avvocato del NLRB.

Il fatto che Google abbia un interesse economico nella raccolta di dati da miliardi di utenti noti. I dati di grandi dimensioni, soprattutto da parte degli utenti di telefoni cellulari, vengono raccolti e analizzati per visualizzare pubblicità personalizzata, tra le altre cose. Tuttavia, i dati mobili raccolti dal "capitalismo di sorveglianza" di Google vengono creati anche quando un telefono funziona senza una scheda SIM, non è connesso a una rete Wi-Fi e anche mentre è in modalità aereo, può essere visto in questo comunicato stampa.

Inoltre, Eric Schmidt, ex dirigente ed ex CEO della società madre di Google Alphabet , ha lasciato l'ufficio alla fine di dicembre 2017 - non meno di 24 ore dopo la firma del presidente dirigente Donald Trump. Un ordine ingiunge a diverse autorità statunitensi di agire a livello mondiale contro la tratta di esseri umani, la corruzione e le società coinvolte.

Alcune e-mail confermano anche il ruolo di supporto per l'ex-CEO Eric Schmidt per il Partito Democratico nelle ultime elezioni:

Ho condiviso le mie idee sulle idee della campagna e gli incontri programmati nelle prossime settimane per i veterani della campagna.
dimmi come migliorare queste idee. Questa è solo una bozza di massima, ma fammi sapere se questo è un processo utile per tutti voi. Grazie !! Eric Note per una campagna democratica 2016
Eric Schmidt
Aprile 2014
Ecco alcuni commenti e osservazioni basati su ciò che abbiamo visto durante la campagna 2012. Se iniziamo presto, saremo in un'ottima posizione per si comporta bene per il 2016 ...

È anche interessante notare che Eric Schmidt ha visitato la Corea del Nord nel gennaio 2013, circa un mese dopo che il paese ha completato con successo un test missilistico a lungo raggio. La visita è stata anche condannata dal Dipartimento di Stato Obama e ha annunciato che la visita di Schmidt si era svolta in un "momento sfavorevole". Schmidt era accompagnato da Jared Cohen, ex dipendente del Dipartimento di Stato americano e osservatore della cosiddetta "primavera araba" in Egitto e in Iran.

I documenti interni di Google mostrano che i dipendenti di Google avevano discusso bloccare le principali fonti di notizie conservative dai risultati di ricerca dopo l'elezione di Trump nel 2016, al fine di evitare una rielezione in quattro anni. Ulteriori e-mail rivelano l'intensa consultazione politica di Google con il Partito Democratico degli Stati Uniti negli Stati Uniti, collegato a un gruppo di elettori latinoamericani negli Stati Uniti, come spiegato nel seguente video:



Inoltre, Google fa molto affidamento sull'aiuto di una società chiamata Southern Poverty Law Center e i suoi dipendenti hanno aiutato il gigante della tecnologia a fungere da filtro morale per cancellare il contenuto. Web di Google che affermano di essere. "Discorso di odio". La società classifica queste categorie senza troppa esitazione tra molte figure conservatrici, che probabilmente si troveranno nella "Mappa del discorso dell'odio" del Southern Poverty Law Center, poiché queste personalità e giornalisti sono piuttosto desiderosi di Scopri la verità (anche su Google e Co.).

Un presunto "vandalismo" su alcune pagine dei risultati di ricerca di Google sta causando ancora più irritazione all'inizio di giugno 2018, non solo negli Stati Uniti. Una ricerca sul "Partito repubblicano della California" indica nel cosiddetto "pannello della conoscenza" di Google che sarebbe un'ideologia nazista. Google cerca di correggere l'errore il più rapidamente possibile e spiega che la società non sarebbe prevenuta nei confronti delle opinioni conservatrici. Nel frattempo, alcuni impiegati di Google proclamano che l'incontro annuale dei politici conservatori negli Stati Uniti (CPAC) sarebbe apparentemente una conferenza di "odio" e "etno-nazionalismo". Un senior director di Google suggerisce anche che il gigante della tecnologia dovrebbe utilizzare le sue risorse per "indirizzare i conservatori e i repubblicani verso un messaggio di libertà".

Il 29 agosto 2018, persino il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dovuto twittare la sua preoccupazione sulla propensione di Google nei confronti del mondo, dicendo che il gigante della tecnologia aveva trattato altri presidenti degli Stati Uniti in un diverso in passato.



Pochi giorni dopo, i legislatori del Congresso degli Stati Uniti si lamentano anche di Google. La compagnia è stata invitata a inviare un alto funzionario a Washington per un'audizione di intelligence del Senato sulle interferenze elettorali, nonché su Facebook e Twitter. Mentre Facebook e Twitter hanno inviato il loro chief operating officer e il loro CEO, Google ha proposto di inviare un avvocato a Washington. Pertanto, la società ha ricevuto una presunta sedia vuota nel Congresso degli Stati Uniti, un modo per i legislatori di esprimere il proprio disprezzo.

Il 12 settembre 2018, Breitbart pubblica un video interno di Google a partire dal giorno successivo alle elezioni del 2016. Larry Page e Sergey Brin, i fondatori di Google, trascorrono più di un'ora del loro prezioso tempo su Google. Riunione "Grazie a Dio-È-Venerdì (TGIF) per esprimere la loro principale preoccupazione per i risultati delle elezioni della notte precedente:

Sergey Brin, fondatore di Google: "Le elezioni ... sono in contrasto con molti dei nostri valori ... Non sappiamo quale direzione prenderà questo paese ... e viviamo in un periodo di grande incertezza. È incerto per molti di noi qui, in particolare gli immigrati o le minoranze, donne, aehm, intendo così tante persone, ma di solito quelli che hanno figli e che si interrogano sul loro mondo".
Kent Walker, Vice President, Global Affairs: "Paura, non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo, preoccupazioni di combustibili, xenofobia, odio e il desiderio di trovare risposte potrebbe non esistere."
Direttore finanziario Ruth Porat: "Useremo tutta la forza e le risorse che abbiamo. Dobbiamo continuare a promuovere valori molto importanti."
Eileen Naughton, Vice President, Personal Operations: "Stiamo osservando da vicino la situazione. Il nostro ufficio di politica a [Washington] DC è sull'intera questione [dell'immigrazione] e ... litigheremo ovviamente ... Abbiamo anche posizionato [noi stessi] negli ultimi 10 anni per sistemare che è un sistema di immigrazione molto deficitario in questo paese e faremo avanzare questa lotta."

Un articolo su The Intercept rivela anche che Google ha contribuito alla creazione di un motore di ricerca chiamato Dragonfly per il governo cinese, che collegava i numeri di telefono degli utenti alle loro ricerche, rendendo più facile identificazione di dissidenti e difensori dei diritti umani in Cina e altrove. Anche dopo CEO Pichai aveva annunciato che aveva chiuso il progetto vicino cooperazione con il governo cinese, alcuni addetti ai lavori di Google riportano alcuni mesi dopo che il progetto è stato seguito molto bene - con l'istruzione dei massimi livelli di gestione di Google.

All'inizio di ottobre 2018, a causa di un problema con il software Google +, i dati personali di almeno 500.000 utenti erano disponibili per gli sviluppatori esterni. Diversi paesi stanno ordinando a Google di indagare su questo.

I problemi relativi a Google tornano interessanti a metà dicembre 2018. L'amministratore delegato, Sundai Pichai, appare finalmente davanti al Congresso degli Stati Uniti per far credere che Google sarebbe "apparentemente non un rifugio per le parti politiche prese". È interessante notare che la stampa ha riportato un fuoco non molto piccolo, che sarebbe scoppiato nel centro tecnico di Google a Pechino, Cina, esattamente il giorno della apparizione di Pichai nel Congresso degli Stati Uniti.

Ci sono voluti solo pochi mesi prima che i documenti di Google trapelati dimostrassero che Google ha manipolato acutamente i suoi risultati di ricerca per cause di sinistra usando una lista nera, anche in Irlanda poco prima di un referendum pubblico sull'aborto. E poiché Google spiega nelle sue newsletter interne, tra gli altri, che criticare la Repubblica popolare cinese sarebbe considerata un "discorso d'incitamento all'odio", l'incendio del centro tecnologico di Google a Pechino potrebbe potenzialmente essere visto anche da una prospettiva diversa.

Ulteriori notizie su Google arrivano al mondo anche all'inizio del 2019. Uno studio interno di Google per identificare il divario salariale femminile per dimostrare quanto siano pagate meno le donne rispetto ai colleghi di lavoro maschili rivela l'esatto opposto: la maggior parte delle donne di Google i dipendenti sono pagati più degli uomini in posizioni lavorative simili. Questa potrebbe essere la ragione per cui alcune forze di Google non solo a California erano così ansiose di licenziare immediatamente James Damore.

Nell'estate del 2019, il Congresso degli Stati Uniti tiene un'udienza con il titolo "Google and Censorship through Search Engines". Un sostenitore accademico ed ex-Hillary Clinton rispettato presenta le sue scoperte lì. Afferma che Google è stata ed è in grado di oscillare tra 2,6 e 10,4 milioni di voti manipolando le loro varie tecnologie software:



I due fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin annunciano alla fine del 2019 che stanno abbandonando i loro ruoli senior nella società madre di Google Alphabet. Solo poche settimane dopo, anche il Chief Legal Office di Alphabet David Drummond si dimette, presumibilmente a causa di numerosi rapporti con le donne dell'azienda.

A proposito, anche il nostro blog di notizie è stato preso di mira da Google. Ci vollero mesi perché la compagnia registrasse i collegamenti di base del sito che avevamo inviato più volte da due anni. Solo il 60% circa di tutti i nostri link ben definiti e inviati sono stati accettati dal gigante della tecnologia per molto tempo e, di questi, alcuni sono mostrati voci nascoste in URL. ai nostri articoli nelle pagine dei risultati di ricerca di Google, invitando elegantemente gli hacker a dare un'occhiata più da vicino alla nostra piattaforma.

Inoltre, per un periodo di mesi, una ricerca video di per il nostro blog ha mostrato un'immagine piuttosto interessante relativa a un video su George Soros in uno dei nostri articoli sul blog: un'immagine fissa collegata a un video che non è stata visualizzata il nostro sito statico. Sono state adottate misure protettive per evitare che tale immagine venga visualizzata circa un anno fa. Abbiamo persino modificato l'intero link del film molti mesi prima che ci rendessimo conto del comportamento di Google.

Nel frattempo, abbiamo potuto monitorare molti tentativi di hacking sul nostro sito web. Google mantiene deliberatamente e volontariamente un pregiudizio politico ed è stata quindi premiata con accuse penali dinanzi alla Procura locale nel settembre 2018.





 
di Martin D., un giornalista investigativo accreditato e indipendente dall'Europa. Ha conseguito un MBA presso un'università degli Stati Uniti e una laurea in Sistemi informativi, ha lavorato come consulente negli Stati Uniti e nell'UE, e attualmente sta scrivendo un libro sulla storia dei media mainstream.

Email Twitter Facebook Print


Per suggerimenti e informazioni riservate: inviaci il tuo messaggio completamente crittografato all'indirizzo news@sun24.news utilizzando la nostra chiave di crittografia PGP pubblica (strumento online qui).







Valuta questo articolo
    
Grazie !
o lascia un commento
Spedire