Potremmo utilizzare i cookie e abbiamo bisogno di accedere ad alcune delle impostazioni del tuo browser. Fare clic sul pulsante seguente se si accettano i nostri termini sulla protezione dei dati. Non memorizziamo nessuno dei tuoi dati personali quando utilizzi il nostro sito web in modo regolare.

    
Lettera a Lutero

Lettera a Lutero

Se sconosciuto ritorno al mittente
Twitter Facebook Email Print     PDF 
 Tradotto dall'inglese con A.I.  


Al
Dr. Martin Luther
Wartburg
99817 Eisenach
Germania


Caro omonimo,

Dal momento che siete diventati immortali, come molti dei tuoi fan e ammiratori che si scrivono nel loro libro per il vostro Giubileo, ho deciso di inviarvi questa lettera nella speranza che raggiungerà ovunque vi troviate.

Ti ricorderemo presto in tutto il mondo quest'anno 2017. Stiamo aspettando numerosi eventi, soprattutto in Europa e in Germania, in occasione del cinquantesimo anniversario della tua famosa tesi. È anche l'anniversario della riforma della chiesa. Sarai celebrato.

All'epoca non lo volevi davvero, ma hai fondato una nuova branca del cristianesimo. In realtà, volevi solo migliorare lo stato piuttosto terribile della chiesa in quel momento. Eri prima cattolico, poi cristiano riformato. E hai anche co-fondato l'era moderna, principalmente a causa della tua nuova visione del rapporto tra Dio, l'uomo e la chiesa in quel momento.

Come è stato effettivamente accaduto il 2 luglio 1505 nel momento dei in cui si dovevano essere presumibilmente inseriti in questa tempesta e salvato un fulmine che
La "Wartburg" di Eisenach, in Germania
avrebbe colpito proprio davanti ai vostri piedi, non ha deciso di entrare in convento, ma il più severo in quel momento ?

Ci sono pochissime persone che entrano in un monastero come un pazzo. Anche se i tempi erano diversi alla tua età, molti testano diverse comunità monastiche, ma di solito ci sono momenti in cui riflettere per consentire l'ingresso in un monastero per periodi più lunghi. Ma non con te. I tuoi genitori sono stati particolarmente scioccati dal tuo improvviso cambiamento di carriera da un giorno all'altro. Entrambi erano ferocemente contrari al tuo ingresso nel monastero, specialmente tuo padre, come sai.

Per inciso, ora c'è una visione molto diversa della tua fuga precipitosa dal "mondo" e la fine improvvisa dei tuoi studi di giurisprudenza.

Anche nel 1505 ti sei laureato in legge con il tuo collega e amico, Hieronymus Buntz. Ma è morto poco dopo il primo esame, una morte che ti ha colpito duramente. Anni dopo, nel novembre 1531, lei ha menzionato che eri "gravemente ferito nell'arteria della gamba da una sfortunata coincidenza", questo attraverso la tua spada.

Cinque anni dopo, molti altri si stanno ancora chiedendo come sia possibile ferire l'arteria della gamba con una spada. In effetti, tale spada o sciabola di solito rimane in un guscio protettivo. Come è possibile che la tua spada ha apparentemente scivolato fuori dal pozzo e ha tagliato non solo gli strati superiori della pelle, ma è stato penetrato così profondamente nella carne? Alla fine hai voluto sederti con i glutei sulla spada, l'hai messa nella direzione sbagliata tra due sedie e hai cercato di sederti su entrambi? Molte domande, mio ​​caro omonimo, alle quali non abbiamo risposte chiare fino ad oggi.

Quello che abbiamo non è solo una ricerca fatta dai cattolici o da altre persone che si sono opposte a te, biografi, che confermano che l'affermazione che una ferita alla gamba fosse una bugia Il bianco era comune ai tuoi tempi: per qualcuno che si è fatto male in un duello segreto. Probabilmente hai partecipato a un duello con la spada con un amico di studio, Conrad Wiegant, le cui tracce sono perse un po 'più tardi. Il primo contatto con i fratelli agostiniani ebbe luogo dopo questo duello a causa di un possibile peccato associato ad esso?

Quello che abbiamo non è solo una ricerca fatta da cattolici o da altri biografi contrari che confermano che la rivendicazione di una ferita dell'arteria della gamba era una bugia bianca comune nei tuoi tempi per qualcuno che si è fatto male in un duello segreto. Presumibilmente ti sei anche impegnato in un duello con una spada con un altro amico di studio di nome Conrad Wiegant e le cui tracce sono state perse un po 'più tardi. Il primo contatto con i frati agostiniani è già avvenuto dopo questi duelli a causa delle molte paure associate a questi peccati?

Può essere che tu abbia combattuto in precedenza con il tuo compagno di studi Hieronymus Buntz riguardo ai voti degli esami in modo così violento che il tuo famoso temperamento ti ha fatto disegnare una spada e ferirlo così tanto che è persino morto? Questo spiegherebbe la tua tristezza per la sua morte, i tuoi forti auto-rimproveri da allora in poi, e anche i deprimenti ricordi sul tuo amico da allora.

Questo potrebbe - in netto contrasto con la teoria della cospirazione temporale - spiegare la tua entrata frettolosa e improvvisa nel monastero, almeno. Un ingresso nell'ordine agostiniano nero era probabilmente l'unico modo per prevenire le incriminazioni per omicidio. È interessante notare che le tue stesse parole del 1532 confermano questo scenario:

Seguendo il consiglio unico di Dio, sono diventato un monaco in modo che non mi catturassero. Altrimenti, sarei stato catturato molto facilmente. Ma non potevano farlo in quel modo, perché l'intero Ordine si prendeva cura di me.
(Edizione Weimar T1, 326, pagina 134, in latino: 'Singular die consilio factus sum monachus, ne me caperent. Alioqui essem facillime captus. Sie autem non poterant, quia es nham sich der gantz orden mein an')

Hai anche ammesso che sei stato "ein grosser Bub e homicida fui", cioè "un ragazzo intelligente e un assassino" (Edizione Weimar 26, 509, pp. 9-12 e 30, dell'anno 1523). E tu hai aggiunto che "loro mi volevano sul Krägeli (collana)", "io sono un monaco contro la mia volontà" (Albert Mock: 'Abschied von Luther', Colognia 1985, pagina 51), così come molto irritante per tutti noi del tuo improvviso arrivo nel monastero:

Non mi piaceva a memoria, ma dovevo farlo e devo farlo, data la vergogna.
(Philipp Melantone, Vita Martini Luther, pagina 46; Albert Mock: 'Abschied von Luther', Colognia 1985, pagina 44)

Se potessimo ottenere risposte da voi su problemi, contraddizioni e questioni di tale importanza, prenderebbe il vostro lavoro teologico in una nuova luce.

Riguardo le tue famose opinioni "sola fides", "sola gratia" e "sola scriptura" e la tua traduzione della Bibbia, ho anche alcune domande per te, caro omonimo.

Come intendevi esattamente con la tua "sola fides", la tua convinzione che solo la fede può salvare un'anima, nient'altro? Immagino sia stata la tua risposta alla regolazione assolutamente incontrollabile della salvezza dei peccati, a cui eri giustamente contrario. Avevi predicato esattamente l'opposto delle terribili idee teologiche di quel tempo, secondo le quali solo la legge e le norme della chiesa - così come i pagamenti appropriati - potevano garantire la salvezza delle anime. Non una parola sulla fede.

Cinquecento anni dopo che il big bang più che giustificato - e non si poteva prevedere - la pratica di molti credenti è cambiata radicalmente, al punto che ora è tua "sola fide" che crea forme di grotteschi, o addirittura pazzo . La fede. Un sostituto per la religione si sta verificando nel numero sempre crescente di cristiani in Europa. Nel tuo tempo, la tua "sola fides" potrebbe essere stata il giusto veicolo spirituale per cambiare alcuni concetti teologici di tortura. Oggi la "sola fide" è sentito anche tra i cristiani progressisti che non possono frequentare un servizio di chiesa un paio di volte l'anno, su un Domenica o di un'altra storia per lanciare i loro whorsphipments in mare da Lunedi mattina - nell'oceano di richieste sempre più contraddittorie del mondo secolare. Il risultato è una Germania e un'Europa dedicate a questa realtà.

La tua "sola fides" deriva in realtà dalla tua convinzione che l'opera di Gesù Cristo sarebbe troppo grande, troppo enorme, troppo gigantesca per chiunque addirittura osasse fare ciò che ha fatto. Pertanto, ricorda solo il suo atto. Contrariamente a quanto sta accadendo oggi nella Chiesa cattolica, dove, almeno secondo la teoria, le azioni di Gesù Cristo dovrebbero essere assorbite in se stessi, specialmente in un mondo diametralmente opposto a un vero cristiano.

Questo mondo di attori e laici così diversi, o in altre parole, miliardi di persone che potrebbero essere state addestrate dal big bang dell'era moderna e della scienza della natura - reso possibile da voi - hanno già ha assorbito la tua "sola fides" per cinquecento anni e da allora il filosofo tedesco Emmanuel Kant ha spinto la fede in Dio in qualcosa di puramente soggettivo e del tutto personale.

Ciò ha dato una grande importanza alle grandi e fantastiche conquiste umane attraverso la scienza. La risposta alla morte non ha ancora avuto risposta. E onestamente e solo tra di noi, caro omonimo, nonostante Keplero, Copernico e Galileo, lo sbarco della luna e le prime immagini di pianeti abitabili nello spazio, nella mia vita ho avuto non una sola donna che non Una sera sedetti con me al tramonto sulla spiaggia, appoggiandomi alle mie spalle e dicendo qualcosa tipo "oh guarda, ora la terra ha girato così lontano che la nostra spiaggia qui sta lentamente cadendo nell'ombra del sole che si trova al centro del nostro sistema solare".

Anche cinquecento anni dopo l'inizio dell'era moderna che hai acceso, il sole tramonta di notte e sorge al mattino. Quasi ovunque su questo globo.

Anche la tua "sola gratia", quindi la tua idea che tutto sia fatto solo dalla grazia di Dio e non dalle conquiste umane, rende più che ragionevole nel tuo tempo. Ma credimi, mio ​​caro omonimo, quanto sarai d'accordo con me che cinquecento anni dopo il tuo lavoro, un risveglio sonoro di opere misericordiose a beneficio della grazia di Dio potrebbe tornare utile. Sarai in grado di sperimentarlo se camminassi in tutte le strade delle attuali megalopoli.

Per quanto riguarda la tua "sola scriptura", questa è la tua convinzione che solo la Bibbia è necessaria per trasmettere il messaggio della salvezza di Dio alle persone, anch'io mi preoccupa dal punto di vista di Oggi. Naturalmente, nel tuo tempo, avevi tutte le ragioni per questa affermazione. La Bibbia era riservata solo a pochi, perché era necessario imparare il latino e pochissime persone del tuo tempo avevano l'opportunità di farlo - una vita che durava in media circa 35 anni al momento.

Hai tradotto la Bibbia, originariamente scritta nell'antico ebraico e nel greco antico, in un incredibile atto in tedesco. Come sapete, è molto difficile tradurre le Scritture originali, specialmente perché l'antica lingua ebraica richiede un modo di pensare completamente diverso che non può essere facilmente tradotto in parole tedesche. Nell'antica lingua ebraica, non esiste un pensiero astratto: i pensieri sono descritti solo dall'uso dei sensi, quindi solo da ciò che si può vedere, toccare, annusare, gustare e/o ascoltare.

Forse puoi dimostrare le traduzioni del Vecchio Testamento con un esempio per illustrare la complessità del tuo lavoro in questo momento:

La parola italiana "rabbia" nella tua Bibbia tedesca ha l'equivalente parola ebraica "awph" nei testi originali, ma letteralmente significa "naso". Quando sei molto arrabbiato, di solito inizi a respirare pesantemente e le pareti nasali iniziano a lampeggiare.
Un antico ebraico descrive così la parola italiana "rabbia" percependo visivamente un luccichio del naso e, di conseguenza, attraverso la sua parola ebraica "awph". Se, ad esempio, questa parola ebraica in Salmo 103:8 è letteralmente tradotta in "naso", non avrebbe alcun senso per la maggior parte dei lettori moderni. Quindi, "naso" è tradotto in questo passaggio del Salmo come "rabbia", che è quindi incorporato nell'intera frase e diventa "lento nella rabbia" o "senza collera" e alla fine la traduzione più comune trovata oggi per il Salmo 103:8: 'ricco di grazia'. Pertanto, la traduzione di parole antiche in ebraico deve effettivamente aver luogo due volte, una volta nella traduzione individuale della parola ebraica, poi nella stessa lingua italiana, al fine di dare un significato al lettore italiano. Queste circostanze rendono difficile tradurre il vero significato delle Scritture originali.

Le tue traduzioni sono state un processo molto noioso e difficile. Secoli prima di te, le scritture originali scritte in ebraico antico e in greco erano state tradotte in latino, una trasformazione delle Scritture che aveva già aperto tutte le porte a un cambiamento di significato dei testi originali.

Vorrei evidenziare uno di quei passaggi critici nel testo. Il "Padre nostro", una delle preghiere più importanti della chiesa, viene sempre pronunciato secondo la tua traduzione. Ci sono due passaggi del "Padre nostro" nel Nuovo Testamento, uno in Luca e uno nel Vangelo di Matteo. Oggi si parla della versione più lunga secondo Matteo. Nell'originale greco, la parola "epious" è usata sia in Luca che in Matteo nel passaggio in cui viene menzionato il pane quotidiano. Questa parola in entrambi i vangeli consiste delle parole "epi" (che significa: sopra o superiore) e "ousia" (che significa: sostanza). Così, in greco, non è solo un pane, ma un pane estremamente consistente, vale a dire che contiene l'essenza di Dio - un pane celeste, soprannaturale se vuoi, e che ha molto poco a che fare con la nostra vita quotidiana, fette di massa prodotte al supermercato.

Non ti sei reso conto che le traduzioni latine del tuo tempo avevano già descritto la parola greca "epiousse" in modo diverso nei due Vangeli di Luca e Matteo? In Matteo, le traduzioni latine parlano di un pane "supersostanziale", in Luca solo di un "cotidianum". Tu, o chiunque, hai deciso di escludere l'essenza di Dio dal pane anche nella tua traduzione in tedesco, e l'hai trasformato in un pane semplice e ordinario che verrà dato ogni giorno. Il vero significato dell'originale greco è stato completamente cambiato.

Questo concentrarsi su un pane normale disponibile in commercio è stato certamente un passo importante e ben intenzionato verso una trasformazione della società del vostro tempo, in modo da consentire al maggior numero di persone di accedervi. Tuttavia, in molte delle nostre attuali società europee, trovare un pane sano non è così facile, e il ritorno al pane essenziale di Dio è probabilmente ancora più importante. Spero che tu lo veda come lo vedo anch'io.

Per inciso, il problema con il pane non è stato modificato nella Bibbia luterana recentemente rivista nel 2016/17 (ora viene chiamata "il pane di cui abbiamo bisogno oggi"), una nuova traduzione della Bibbia considerata come "uno dei punti salienti" del vostro giubileo di riforma e il cui "obiettivo è quello di produrre maggiore precisione linguistica pur mantenendo il potere linguistico di Martin Lutero" (Società biblica tedesca Stoccarda). Riguardo a Maria, che hai adorato per tutta la vita, non è più detto che avesse già ricevuto un figlio in questa nuova Bibbia, ma che fosse rimasta incinta.

Molte domande per te, caro Martin. Spero di sentirti presto. Nel frattempo, ti auguro un felice compleanno in buona salute.



Martin

Shalom.








 
di Martin D., un giornalista investigativo accreditato e indipendente dall'Europa. Ha conseguito un MBA presso un'università degli Stati Uniti e una laurea in Sistemi informativi, ha lavorato come consulente negli Stati Uniti e nell'UE, e attualmente sta scrivendo un libro sulla storia dei media mainstream.

Email Twitter Facebook Print


Per suggerimenti e informazioni riservate: inviaci il tuo messaggio completamente crittografato all'indirizzo news@sun24.news utilizzando la nostra chiave di crittografia PGP pubblica (strumento online qui).







Valuta questo articolo
    
Grazie !
o lascia un commento
Spedire