Potremmo utilizzare i cookie e abbiamo bisogno di accedere ad alcune delle impostazioni del tuo browser. Fare clic sul pulsante seguente se si accettano i nostri termini sulla protezione dei dati secondo il regolamento UE 2016/679 (GDPR). Non chiediamo né memorizziamo mai nessuno dei tuoi dati personali quando utilizzi il nostro sito web in modo regolare.

Details >

    

Un Server Spagnolo

A proposito di Scytl e di un computer elettorale a Francoforte
Twitter Facebook Email Print     PDF 
 Tradotto dall'inglese con A.I.  


Mqualcuno ha familiarità con gli eventi di Torrero in Spagna, in cui un uomo solitamente coraggioso entra in un'arena per impegnarsi direttamente con un toro. Dotato solo di un fazzoletto rosso, il Torrero riesce per lo più a lasciare il toro completamente esausto, permettendogli di posizionare armi letali nel collo del toro dopo molte ore. Viene quasi ricordato un tale spettacolo quando un membro del Congresso degli Stati Uniti ha accennato a metà novembre 2020 che qualcuno in Germania aveva diffuso il messaggio che l'esercito americano avrebbe presumibilmente confiscato un server di computer nella capitale bancaria tedesca Francoforte il 9 novembre 2020, almeno digitalmente ottenuto tutto il suo contenuto. Il server originariamente apparteneva a una società denominata Scytl, con sede a Barcellona, in Spagna. Ora nelle mani di una banca, il server di Francoforte era presumibilmente collegato a vari database dei risultati delle elezioni negli Stati Uniti del 2020, gestiti e gestiti da Scytl, che ha dichiarato bancarotta nell'estate del 2020 e stava per entrare nel processo di liquidazione finale.

I sistemi di voto degli Stati Uniti

1

La maggior parte delle contee degli Stati Uniti utilizza macchine elettorali e le collega ad alcuni dei principali sistemi software per raccogliere i voti. Questi software a loro volta inoltrano le loro informazioni a vari database, ospitati sull'infrastruttura IT di Amazon, alcuni dei quali sono di proprietà della società privata Scytl con sede a Barcellona, in Spagna e/o SGO Smartmatic nel Regno Unito.

Storia dell'azienda Scytl

2

Scytl è stata fondata nel 2001 da due ricercatori del sistema elettorale dell'Università di Barcellona, ha acquistato il produttore di software statunitense SOE nel 2010. Nel 2013, il co-fondatore di Microsoft Paul Allen ha investito 30 milioni di dollari tramite Venture Capital Fund. La società e il loro software si sono impegnati in numerose elezioni in tutto il mondo, ad esempio USA, Messico, India, Svizzera e UE.

SGO 'Smart' Matic

3

Un'altra società dedicata al conteggio dei voti gloab è Smartmatic dal Regno Unito. Il presidente Sir Mark Malloch-Brown era VP di Quantum Fund. La società è stata sottoposta a scrutinio quando ha acquistato il produttore di software statunitense Sequoia Voting Systems nel 2005, che avrebbe avuto legami con il governo venezuelano. La proprietà di Smartmatic è oscura, molti trust e fondi nascosti controllano la società con sede nel Regno Unito.

Software e altri errori

4

Nel 2019, un gruppo internazionale di esperti di frodi elettorali in Svizzera ha scoperto che il software di Scytl poteva essere facilmente manipolato in modo che una singola persona potesse frodare un'intera elezione. Un rapporto sulle irregolarità elettorali negli Stati Uniti ha affermato che i dati delle elezioni negli Stati Uniti del 2020 sono stati inoltrati anche ai server Scytl e Smartmatic. Scytl ha fornito l'infrastruttura per le elezioni europee del 2019 e ha dichiarato in uno dei loro casi di studio di avere 'un centro di supporto a Francoforte'.


La maggior parte delle contee degli Stati Uniti utilizza macchine per il voto per contare i milioni di voti e utilizza alcuni importanti sistemi software per raccogliere i risultati elettronici presentati da queste macchine. Il software più diffuso utilizzato dalla stragrande maggioranza delle contee degli Stati Uniti è Dominion Voting Systems, Tenex, ES&S, Hart o DemTech. Dopo aver ricevuto le votazioni della contea, i vari sistemi software inoltrano i conteggi e le informazioni delle votazioni a una manciata di database, eseguiti sull'infrastruttura IT cloud di Amazon AWS e denominati Clarity, Democracy Suite, Precinct Central. Mentre il database di Clarity è interamente di proprietà di Scytl, gli altri sono gestiti o almeno accessibili dalla società spagnola.




L'azienda, situata nel centro della città della capitale catalana Barcellona, ​​ha una storia interessante che vale la pena raccontare. È stata fondata nel 2001 dai ricercatori sui sistemi di voto elettronico Andreu Riera e Carles Rovira dell'Università di Barcellona subito dopo lo scoppio della bolla delle dot-com. I due hanno scelto con cura il nome dell'azienda come crittografia del primo metodo di crittografia noto denominato Skytale, utilizzato per scopi militari nell'antica Grecia circa 2500 anni fa. Pere Valles è entrato a far parte dell'azienda sin dall'inizio, così come un gruppo finanziario locale. Nel 2006, la fondatrice Riera è morta in un incidente stradale. Alcuni anni dopo, Nauta Capital è diventata azionista e nel 2010 Scytl ha pagato 10 milioni di dollari per la società statunitense SOE Software, un importante fornitore di soluzioni per la gestione elettrica. Le vendite hanno raggiunto i 25 milioni di dollari, la società aveva uffici a Washington, DC, Toronto, Nuova Delhi, Atene, Kiev e Singapore e una forza lavoro di oltre 400 persone. Nel 2013, il co-fondatore di Microsoft Paul Allen ha investito 40 milioni di dollari attraverso il suo famoso Vulcan Capital Fund. Stranamente, tuttavia, nonostante i piani per arruolare la società al NASDAQ, la fama di Scytl si è erosa negli anni a venire. Le ragioni sono almeno dubbie: progetti falliti e strani tentativi di riorganizzazione stavano sabotando il previsto successo di Scytl. Nel dicembre 2019, la società ha avviato una procedura pre-fallimentare, un tribunale spagnolo ha dichiarato la fine formale e legale della società di Barcellona il 2 giugno 2020. In precedenza, gli azionisti di Scytl JB Capital, Vulcan Capital, Nauta Capital e Spinnaker potevano convincere il fondo statunitense Sandton Capital per rilevare la procedura fallimentare e, a quanto pare, Sandton Capital non ha esitato molto a ricollegare uno dei server di Scytl a Francoforte a Internet. O è arrivato l'ordine dal Paragon Group, il nuovo proprietario di Scytl, che ha acquistato le attività di Scytl in un accordo il 20 ottobre 2020, casualmente esattamente 14 giorni prima delle elezioni presidenziali statunitensi ?



Un'altra società che si sta dedicando al conteggio delle votazioni globali è SGO Smartmatic, re-costituita nel 2014 come società britannica sotto il presidente Mark Malloch-Brown. Collegato a George Soros per essere stato il vicepresidente del Fondo Quantum del miliardario - ora chiamato Open Society Global - Sir Malloch-Brown è profondamente legato alle Nazioni Unite, ai Clinton e ad altre organizzazioni Soros. Smartmatic è stata esaminata nel 2005 quando ha acquisito una società statunitense denominata Sequoia Voting Systems. I membri del Congresso degli Stati Uniti hanno chiesto alla commissione per gli investimenti esteri negli Stati Uniti (CFIUS) di esaminare più da vicino l'accordo già allora, poiché si presume che Sequoia avesse legami con il governo venezuelano. Funzionari statunitensi hanno dichiarato nel 2006che "sembra che ci sia stato un evidente sforzo per oscurare la proprietà della società", riferendosi alla rete nascosta di fondi e trust di Smartmatic che si impegnano nella società britannica.

Nel 2017, le elezioni generali venezuelane sono state truccate da circa 1 milione di voti, gestite dal software Smartmatic, che era in contatto con il governo venezuelano dal 2004. Un totale di 8 milioni di persone hanno votato in quelle elezioni, a cui ha fatto riferimento il CEO di Smartmatic Antonio Mugicadi fronte a una stampa buffonata a Londra, affermando che "sappiamo, senza alcun dubbio, che l'affluenza alle recenti elezioni per l'Assemblea nazionale costituente [del Venezuela] è stata manipolata". Un informatore ha dichiarato nel 2020 che Smartmatic utilizza lo stesso software di Dominion Voting Systems, quest'ultimo utilizzato in quasi 30 Stati degli Stati Uniti, e che il software è stato determinante in passato per mantenere Hugo Chavez al potere in Venezuela:



Nel 2019, un gruppo internazionale di ricercatori di frodi elettorali in Svizzera ha scoperto che il software di Scytl poteva essere facilmente manipolato. I revisori del software hanno scoperto che un problema tecnico backdoor nel sistema consentiva di sostituire completamente le schede elettorali legittime con altre fraudolente:

La vulnerabilità è sorprendente. Nelle normali elezioni, non esiste una sola persona che possa frodare in modo impercettibile l'intera elezione. Ma in questo sistema che hanno costruito, c'è un partito che potrebbe farlo. (Matthew Green, insegnante di crittografia presso la Johns Hopkins University)

Scytl si è affrettato a minimizzare la vulnerabilità della sicurezza, affermando che gli hacker avevano bisogno di accedere all'infrastruttura IT della Posta Svizzera, che ha acquistato i diritti del codice sorgente del software di Scytl nell'aprile 2019. È stato affermato che "l'aiuto di diversi addetti ai lavori con conoscenze specialistiche di La Posta Svizzera o i Cantoni" era necessaria, ignorando allo stesso tempo il fatto che il gruppo di esperti di sicurezza non aveva tale accesso quando rilevava il problema del software piuttosto rapidamente.

Un incidente simile è accaduto all'indomani dell'evento elettorale del torrero USA 2020, quando Scytl si è affrettato a sfatare qualsiasi accusa di frode massiccia, anche sul loro server di Francoforte. Un rapporto riservato sulle irregolarità elettorali, condotto nei mesi precedenti le elezioni presidenziali statunitensi del 2020, afferma tuttavia che i dati elettorali sono stati inoltrati a più server al di fuori degli Stati Uniti, esplicitamente anche a un server di proprietà della società di Barcellona:

Le registrazioni delle votazioni per le elezioni generali del 2018 sono state automaticamente inoltrate dal sito Web clarityelections.com a più indirizzi DNS nazionali ed esteri, tra cui ES&S, Scytl a Barcellona, Smartmatic a Londra e un server russo presso la South Ural State University di Chalyabinsk, un noto GRU installazione.

(Rapporto sintetico sulle irregolarità elettorali dell'agosto 2020)

La stessa Scytl ha accennato nel 2019 di essere legata alla città tedesca di Francoforte, nonostante la sua affermazione del 2020 "non abbiamo server o uffici a Francoforte". La società è stata selezionata anche per fornire l'infrastruttura IT per le elezioni europee del 2019. In un caso di studio Scytl del 2019, l'azienda ha dichiarato quanto segue:

Per garantire il successo di questo progetto [Elezioni europee del 2019], il team di Scytl ha iniziato a prepararsi con nove mesi di anticipo. Durante questo periodo, abbiamo condotto 3 sessioni di prova separate, 5 test di accettazione degli utenti e abbiamo allestito il centro di raccolta dati a Barcellona, oltre a un centro di supporto di emergenza a Francoforte.

(Case study di successo di Scytl per le elezioni europee del 2019, pagina 3)




Non dissimile dagli eventi del torrero spagnolo, dove di solito, alla fine, il toro veniva trascinato per le strade per l'esposizione pubblica e quindi tutti da vedere.







 
di Martin D., un giornalista investigativo accreditato e indipendente dall'Europa. Ha conseguito un MBA presso un'università degli Stati Uniti e una laurea in Sistemi informativi, ha lavorato come consulente negli Stati Uniti e nell'UE, e attualmente sta scrivendo un libro sulla storia dei media mainstream.
Lascia un commento:



Spedire

Email Twitter Facebook Print


Per suggerimenti e informazioni riservate: inviaci il tuo messaggio completamente crittografato all'indirizzo news@sun24.news utilizzando la nostra chiave di crittografia PGP pubblica (strumento online qui).







Valuta questo articolo
    
Grazie !
o lascia un commento
Spedire