Potremmo utilizzare i cookie e abbiamo bisogno di accedere ad alcune delle impostazioni del tuo browser. Fare clic sul pulsante seguente se si accettano i nostri termini sulla protezione dei dati secondo il regolamento UE 2016/679 (GDPR). Non chiediamo né memorizziamo mai nessuno dei tuoi dati personali quando utilizzi il nostro sito web in modo regolare.

    
Un tragico vescovo di Monaco

Un tragico vescovo di Monaco

Su A.I. e i romantici della chiesa
Twitter Facebook Email Print     PDF 
 Tradotto dall'inglese con A.I.  


Un tragico incidente, un tragico evento, una tragica partita di calcio. Chi non conosce tali frasi che vengono spesso ascoltate quando accade qualcosa di insolito, qualcosa di inaspettato. Oggi usiamo spesso la parola "tragico" senza pensarci troppo. Ma la parola è per lo più abusata.

La parola viene dal greco e sviluppata nel contesto della tragedia greca, qualche forma di storia o gioco. Una storia può essere descritta come tragica nel vero senso solo se uno dei suoi protagonisti provoca una catastrofe solo perché agisce nel migliore dei modi. In abbastanza famosa tragedia "Edipo re", per esempio, il protagonista cerca di impedire una profezia dell'oracolo catastrofico si verifichi, e gli disse che presto avrebbe ucciso suo padre e sposerà sua madre. Decide di lasciare la sua casa per proteggere i suoi genitori ed è proprio per questo che scatena la catastrofe.

Cosa c'entra tutto questo con il cardinale Marx? Bene, molto Reinhard Marx, figlio di un padre fabbro della Germania occidentale e profondamente impegnato nella giustizia sociale, presto si dedicò alle questioni di dottrina sociale nella Chiesa cattolica, camminando in un modo o nell'altro sulle orme di suo padre.

I suoi libri sono principalmente dedicati a questo argomento, e i suoi pensieri sono stati formati e rinforzati quando,

"Coloro che lavorano devono essere in grado di partecipare al progresso sociale. Solo così possiamo eliminare le incertezze e le paure delle persone."
(Cardinale Marx)

dopo la fine della guerra fredda e la caduta del muro, questa dottrina sociale ha vissuto un vero e proprio rinascimento. Ciò è dovuto in particolare alla diffusione del principio capitalista in quasi ogni angolo del mondo dopo la caduta del blocco comunista orientale. Concentrandosi sull'educazione sociale, Marx divenne prima vescovo a Treviri, poi a Monaco, dove fu poi ordinato non solo un cardinale, ma anche presidente della Conferenza episcopale tedesca, presidente di tutti i vescovi europei (COMECE). e capo delle commissioni papali a Roma.

Secondo domradio.de dell'8 aprile 2017, Marx ha dichiarato in un'intervista alla rivista tedesca Spiegel: "Le persone dovrebbero essere in grado di plasmare decentemente le loro vite attraverso il loro lavoro. Le opportunità di lavoro offerte dal settore dei salari bassi non sono sufficienti", ha affermato. Buoni posti di lavoro a lungo termine sarebbero creati dall'investimento piuttosto che dalle leggi Hartz IV. "Il settore dei salari bassi dovrebbe essere un'introduzione a un contratto di lavoro standard con un salario di sussistenza". Il normale rapporto di lavoro è "la spina dorsale della nostra società e quindi della nostra libertà", ha affermato Marx. "Chi lavora deve avere più dell'essenziale per sopravvivere. Devono anche essere in grado di partecipare al progresso sociale. Solo così potremo combattere incertezze e paure".

Forse queste poche frasi si concentrano sul cuore delle idee di Marx. A proposito, per decenni già. Sembra ancora e ancora che si concentri sui suoi insegnamenti di chiesa sociale degli anni '90 che non vogliono essere estesi.

Apparentemente non osservate dal Cardinale e veramente tragiche, le nostre società sono comunque cambiate radicalmente. Oltre all'interesse di Marx per una distribuzione dei prodotti socialmente equa, nel frattempo è apparso un componente completamente diverso che è diventato il fattore decisivo

"L'occupazione regolare è la spina dorsale della nostra società e quindi della nostra libertà"

(Cardinale Marx)

della nostra vita sociale ed economica negli ultimi 30 anni: la tecnologia.

In soli tre decenni, il software che un tempo alimentava divertenti giochi per computer su computer domestici - sviluppati da appaltatori per lo più americani nei loro garage - divenne architetture per robot completamente automatici in impianti di produzione che comunicavano tra loro - e con sempre meno lavoratori. Sono state sviluppate reti informatiche globali che coprono tutti gli angoli del globo e piccoli smartphone mobili con funzionalità che solo alcuni grandi supercomputer potevano installare solo pochi anni fa. Nella Silicon Valley, una roccaforte di aziende tecnologiche vicino a San Francisco, non ci sono molti soldi rimasti quando un'idea promettente sta per diventare realtà. Si tratta di idee e costruzione del futuro. Radicale. Californiano. Nel complesso. E con forza.



I crescenti aumenti di produttività in quasi tutti i settori del settore sono stati e sono il risultato, così come l'emergere di industrie completamente nuove e la scomparsa di altri. E questi effetti sono già stati piuttosto difficili da controllare negli ultimi decenni: la massiccia razionalizzazione del lavoro su larga scala è uno dei risultati di questa mega-rivoluzione chiamata digitalizzazione.

Ma ciò che è emerso dalle fucine di molti architetti digitali negli ultimi anni è l'inizio di una nuova ondata di sviluppi tecnologici che conferisce al passato l'aspetto di un asilo nido.

Il primo tumulto fu un computer diventato campione mondiale di scacchi. Quindi, un supercomputer nel programma "Chi vuole essere un milionario" potrebbe vincere contro tutti i migliori candidati umani. E ci sono un paio di mesi, un nuovo algoritmo software di auto-apprendimento battere il miglior giocatore del mondo di Go 4:1 - in un gioco da tavolo asiatico che ha più varianti degli atomi nell'universo e in cui il software aveva rivelato un'intuizione inesplicabile e fatto gesti che persino i loro inventori non capivano più.

"Intelligenza artificiale", in breve, o algoritmi di apprendimento automatico sono sulla bocca di tutti. Sono utilizzati nei robot auto-pulizia pulizia in software di riconoscimento vocale, nella medicina, nella pubblicità di Google, Siemens, nel veicolo autonomo, aerei e droni telecomandati, nei bicchieri di alta protezione tecnologia, frigoriferi e radiatori. Ovunque e apparentemente invisibile. Ma, soprattutto, imparano. Da soli e con l'aiuto dei suoi inventori. Migliorano ogni giorno, diventano più veloci e più intelligenti, grazie ai milioni e milioni di dati che questi algoritmi analizzano ogni secondo nel modo più intelligente. Ogni incidente - anche mortale - di un'automobile autonoma migliora il software. Gli algoritmi sono "addestrati" e le loro reti neurali sono condivise. E nessuno ha ancora trovato un interruttore per Internet.

Questi algoritmi di autoapprendimento trovano una perfetta simbiosi con il mondo reale e fisico attraverso il loro uso nei robot. Le telecamere si comportano come occhi, catturando tutto e tutti. Il software decide sulla base dei suoi algoritmi di tipo cervello programmati dal computer e dei suoi cosiddetti dati di test - informazioni sull'azione da eseguire, associate ai modelli di informazione noti.

© MX3D


Il risultato è che le braccia robotiche si muovono con incredibile intelligenza. Le sue risposte linguistiche stanno diventando sempre più umane. Ad Amsterdam, in questi mesi viene utilizzato il primo robot di stampa 3D che si nutre solo di hardware. Il ponte sul piccolo fiume della città, si "stampa".

La portata di questi sviluppi è chiaramente evidente in un rapporto della Commissione europea pubblicato a metà del 2016 in cui si affermava che A.I.Bots dovrebbe avere una propria categoria giuridica in modo che la legge possa considerarli come una persona "elettronica". I parlamentari europei hanno concluso che i robot rappresentano una sfida e una potenziale minaccia per i sistemi di sicurezza sociale, poiché sono sempre più in grado di gestire lavori che in precedenza richiedevano lavoratori altamente qualificati e formati da personale umano. e università. Bill Gates, uno dei protagonisti del progresso tecnologico per eccellenza - e non proprio noto per sostenere le agende cattoliche per quella materia - e che ha richiesto in un'intervista dai primi di febbraio 2017 per esaminare le tasse sui robot IA che sostituiscono lavori umani su larga scala.

In uno studio McKinsey, sono state valutate duemila attività di lavoro distinte in base al loro potenziale di sostituzione tramite robot e software intelligente. È prevista una probabilità compresa tra il 30% e il 90% massimo per un'ampia gamma di lavori diversi.

Non è ancora chiaro come questi sviluppi tecnici si manifesteranno in futuro. Alcuni parlano di una presunta "realtà aumentata" che queste macchine intelligenti potrebbero fornire grazie all'accesso del software a un'enorme conoscenza. Quel che è certo, tuttavia, è che un'onda gigantesca con nuove sfide sta per cadere su di noi, se la tensione e l'elettricità non si prosciugheranno improvvisamente.

Le osservazioni di cui sopra cardinale non sono il risultato ingenua unici di erronea interpretazione e ignorante del nostro sviluppo sociale per decenni e che lui e la chiesa hanno impedito di riconoscere e anticipare questi sviluppi. Nel frattempo, nella Silicon Valley, le persone si stanno prendendo gioco di questo romanticismo sociale e invitano tutti i governi a introdurre almeno un reddito di base per tutti oggi per prevenire disordini sociali. I principi ei meccanismi con cui il cardinale Marx ha sviluppato il progetto della Dottrina sociale della Chiesa, come si continua ad applicare anche oggi, e il modo in cui difende con tutta la sua massa a rischio di essere totalmente interrogati e perdere le fondamenta su cui sono stati costruiti.



I leader non solo all'interno della chiesa dovrebbero già affrontare queste enormi ondate tecniche e quindi sociali. Il modo in cui la maggior parte di loro attualmente risponde alle sfide renderà ancora più difficile per l'umanità preservare l'umanità, essere protetta contro macchine estremamente intelligenti e consigliare altri leader statali e sociali. al fine di adottare le misure appropriate. decisioni.

Più vecchio - e nel prossimo futuro probabilmente ancora più sbiadito - ragionamento su ciò che è veramente umano da ciò che si chiamava "lavoro" sarà sempre più sfidato, più sarà necessario ragionare per prevenire la decostruzione dell'umanità. Le chiese devono affrontare questa sfida con disperazione Altrimenti, gli altri dovranno prendere il loro posto.

Tout cela ne semble pas préoccuper beaucoup le cardinal Marx, la doctrine sociale du cardinal est en béton solide, pourrait-il revendiquer. Peut-être qu'il est temps qu'il réfléchisse. Peut-être pour faire une pause, peut-être aller au monastère. Reprenez contact avec tous les sens. Et peut-être essayer de sortir de ce mouvement circulaire pour qu'il soit ce qu'il devrait être: un berger pour ses brebis, qui ne souffre pas du décalage horaire et ne se transforme pas en évêque tragique de Munich.





Abbiamo deciso di mettere il nostro articolo nella cassetta delle lettere del cardinale nel suo palazzo a Monaco. Da lì, il nostro articolo apparentemente sarebbe stato trasmesso alla Conferenza episcopale tedesca. Qualche settimana dopo, abbiamo ricevuto una risposta da lui, che dimostra che il cardinale ha davvero bisogno di un consiglio migliore, non solo di questo.

Leggi questa dichiarazione della Conferenza episcopale tedesca qui.






 
di Martin D., un giornalista investigativo accreditato e indipendente dall'Europa. Ha conseguito un MBA presso un'università degli Stati Uniti e una laurea in Sistemi informativi, ha lavorato come consulente negli Stati Uniti e nell'UE, e attualmente sta scrivendo un libro sulla storia dei media mainstream.

Email Twitter Facebook Print


Per suggerimenti e informazioni riservate: inviaci il tuo messaggio completamente crittografato all'indirizzo news@sun24.news utilizzando la nostra chiave di crittografia PGP pubblica (strumento online qui).







Valuta questo articolo
    
Grazie !
o lascia un commento
Spedire